Alla scoperta di Corniglia, perla delle Cinque Terre

Piccolo paesino arroccato su un tipico pendio ligure, a strapiombo sul mare, Corniglia, facente parte del comune di Vernazza è il paese al centro delle Cinque Terre, con una popolazione di appena (poco meno) 300 abitanti, che ovviamente si moltiplicano vertiginosamente in primavera ed estate. Si trova, infatti, ad est di Vernazza e Monterosso e ad ovest rispetto a Manarola e Riomaggiore.
In posizione panoramica ed elevata rispetto al mare, a differenza degli altri 4 paesi che compongono le Cinque Terre, non ha un accesso diretto al mare, eccezion fatta per una stretta e ripida scalinata che conduce ad un piccolo e suggestivo molo, dove potrete refrigerarvi prima della ripida risalita nelle acque verde smeraldo.

Il paese è circondato dai tipici terrazzamenti liguri, detti ‘fasce’ in dialetto ligure, dove da sempre viene coltivata la vite con cui si produce il tipico vino bianco locale, che già veniva prodotto in epoca romana. Proprio ai tempi dei Romani risale il primo insediamento abitato a Corniglia: probabilmente il nome Corniglia deriva da “gens Cornelia”, la famiglia patrizia che deteneva il potere in questa zona. Nei secoli successivi si avvicendarono vari potentati finché, durante il Medioevo, l’area di cui fa parte Corniglia fu assoggettata al dominio della famiglia Lavagna, sostituita poi dal casato dei Fieschi. Proprio a loro è dedicata la via centrale e più importante del paese: attorno ad essa si sviluppa l’abitato ed essa conduce alla terrazza panoramica di Santa Maria. La Chiesa di San Pietro, grazioso esempio del gotico ligure, situata a ridosso della piazza principale del paese, risale al XIV secolo, e venne eretta sui resti di una costruzione antecedente (si pensa dell’XI secolo).

Il 29 giugno ricorre San Pietro, patrono di Corniglia e in questa occasione le vie del paese si vestono a festa ed è possibile gustare i manicaretti preparati dalle signore del posto.

Nella zona della chiesa parrocchiale si possono vedere ancora oggi resti di una torre di avvistamento eretta dai Genovesi, risalente al XVI secolo. Accanto alla terrazza panoramica di Santa Maria è situato l’incantevole Oratorio di Santa Caterina, da lì si accede alla Marina di Corniglia.

Il paese è accessibile, a piedi, dalla scalinata della Lardarina, impervia quanto suggestiva, che con le sue 22 rampe di 377 scalini collega Corniglia all’omonima stazione ferroviaria. Per assaporare questa e le altre perle della zona potete visitare un vero agriturismo Cinque Terre, L’Agriturismo degli Olivi, sulle immediate alture alle spalle della costa.

Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

  • Tag

  • I siti che seguiamo