I parchi più belli di Barcellona

I parchi di BarcellonaVi è mai venuto in mente, mentre visitate una città straniera, di fermarvi un attimo e guardare bene quello che avete attorno? Purtroppo spesso e volentieri si ha difficoltà a vedere una città con calma, ed è un vero peccato perché per esempio Barcellona offre delle possibilità di relax davvero incredibili. Una di queste sono niente di meno che i parchi.

Nei parchi non solo è possibile guardare il verde, ma anche fare jogging, leggere un libro, fare una passeggiata o un pic-nic. Quindi di seguito ecco i due parchi più belli e caratteristici di Barcellona.

Parc Güell: è una delle principali creazioni dell’architetto catalano Antoni Gaudí, una delle più belle e originali strutture della città. Prende il nome da Eusebi Güell, che ne commissionò la realizzazione. Nacque agli inizi del 1900, e doveva essere una sorta di città-giardino (il progetto originale prevedeva la realizzazione di almeno 60 spazi abitabili). Il Parco è caratterizzato da un’estrema originalità e da profili sinuosi e colorati: Gaudì ha usato ceramiche variopinte che riproducono un universo di animali fantastici. Spettacolare è la passeggiata coperta con colonne che hanno la forma di tronchi e stalattiti.

Parque de la Ciutadella: per tanti anni quest’area verde ha rappresentato l’unico parco naturale della città, tanto che il nome ci ricorda ancora che si trovava all’interno delle antiche mura della città. Questo parco è davvero stupefacente, al suo interno è addirittura possibile trovare un laghetto. All’interno del parco, inoltre, è possibile trovare la sede del Parlamento della Catalogna e il famoso Zoo di Barcellona.

A Barcellona ci sono tanti altri parchi, come quello della Guineta, il Parc Turó o il Labirinto di Horta. La cosa migliore sarebbe prendere in affitto un appartamento a Barcellona vicino ad uno di questi parchi, in modo da poter godere a pieno di queste magnifiche attrazioni.

Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

  • Tag

  • I siti che seguiamo