Milano e la leggenda di Jimi Hendrix

Il 18 settembre 1970 a neanche 28 anni si spegneva a Londra Jimi Hendrix, considerato all’unanimità il più grande chitarrista di tutti i tempi. Ma la sua leggenda e la sua musica senza tempo hanno continuato a raccogliere proseliti in tutto il mondo, generazione dopo generazione. Oggi il leggendario musicista di Seattle viene ricordato, a quarant’anni esatti dalla sua scomparsa, con una splendida rassegna fotografica ospitata presso la galleria Photology di Milano: ultimi giorni  questi (chiuderà i battenti il 19 novembre) per  “Hendrix Now”, un omaggio doveroso a colui che ha cambiato per sempre la storia del rock, diventando un’autentica icona della rivoluzione culturale e sociale dei favolosi e turbolenti anni Sessanta.

hendrix

Dal 18 settembre e fino al 19 novembre vengono raccontati per immagini i due ultimi intensissimi anni di vita di Hendrix (dal ’68 al ’70) attraverso l’esposizione di una selezione di foto del mitico chitarrista mancino, scattate da quattro fotografi che in quegli anni muovevano i primi passi, prima di affermarsi a livello internazionale, ovvero Baron Wolman, Jorgen Angel, David Redfern e Gianfranco Gorgoni. Molto interessante anche il contributo dell’artista Alessandro Amaducci, che firma due videoinstallazioni, dove sono assemblate ad arte le straordinarie famosissime performances live di Hendrix (come quella di Monterey, 1967 e le due del 1969 a Woodstock e alla Royal Albert Hall).

hendrix2

La mostra, che è realizzata in collaborazione con M. Casale Bauer, è un progetto composito: funge infatti anche da vetrina e trampolino di lancio per “Hendrix Now”, un libro prodotto da Photology e curato da Nico Vascellari dedicato naturalmente a Jimi Hendrix, il primo di una serie di volumi che sotto il nome di Art Icons raccontano le celebrità che hanno più influenzato le correnti artistiche del Ventesimo Secolo (e anche del XXI°), dalla fotografia al teatro, dal cinema alla letteratura e alla musica, come in questo caso.

hendrix3

Il mito di Jimi Hendrix risplende una volta di più: non lasciatevi sfuggire l’occasione di rivivere una delle pagine più importanti e belle della storia del rock, tanto più che l’iniziativa è totalmente gratuita! Che si può volere di più?

Orari: da lunedì a venerdì dalle 11 alle 19.

Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

  • Tag

  • I siti che seguiamo