Quattro secoli di Eros e Thanatos a Madrid

eros

Traendo spunto dal titolo dell’ultimo libro dello scrittore e intellettuale francese George Bataille, prende il via il 20 ottobre nella capitale iberica una particolarissima mostra, “Lacrime di Eros”, dove tutto ruota intorno all’eterno e indissolubile legame tra amore e morte, tra eros e thanatos, tra bellezza e sofferenza, per quello che è un vero e proprio viaggio nella storia dell’erotismo nell’arte occidentale negli ultimi quattro secoli, dal ‘600 fino ai giorni nostri.

L’esposizione delle oltre 120 opere in mostra costituisce dunque lo spunto per ammirare capolavori che attraversano secoli senza perdere un briciolo del loro imperituro fascino: si comincia dalle seicentesche sculture di Bernini e dall’arte di Rubens, passando per i lavori di Canova, concentrandosi soprattutto sul XIX° secolo, attraverso i dipinti di Delacroix e le opere di Rodin per finire poi con le fotografie e i video degli autori contemporanei, che esaltano il talento di Richard Avedon e Sam Taylor.

man_ray_tears

La mostra si svolge fino al prossimo 31 gennaio in due location: presso il Museo Thyssen Bornemisza (dove c’è la sezione “Dalla Tentazione al Sacrificio”) alla Fondazione Caja Madrid (qui c’è l’altra, “L’eterno sonno”), e l’inestimabile tesoro artistico è suddiviso cronologicamente e per aree tematiche, dal Barocco al Surrealismo, dal Romanticismo al Simbolismo. Capire il concetto di “morire per amore” dunque, attraverso un’imperdibile occasione di cogliere l’arte in tutte le sue espressioni, scultura, pittura, fotografia, video.

Una curiosità: la mostra prevede dei gadget alquanto insoliti.. dei preservativi con su stampati alcuni dei capolavori esposti, iniziativa quantomai bizzarra, ma d’altro canto, cosa non si fa per l’arte!

Orari: dal martedì alla domenica dalle 10 alle 19 (alla Fundación Caja Madrid fino alle 20). Chiuso il lunedì.

Related Blogs

  • Related Blogs on Arte
  • Related Blogs on Eros
  • Related Blogs on Lacrime di Eros
Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

  • Tag

  • I siti che seguiamo