Sotto il vulcano

volcanoes_1x

Quando i vulcani appaiono nelle news dei telegiornali generalmente non è una buona notizia, vedi il caso recente del vulcano islandese dal nome impronunciabile (anche da scrivere non è uno scherzo: Eyjafjallajökull) con tutti i disagi che ha provocato, ma d’altra parte è la natura, e i vulcani sanno fare una cosa sola: eruttare! In giro per il mondo in ogni momento decine di vulcani “fumano”, portando scompiglio tra  le popolazioni locali che vivono alle pendici. Abbiamo stilato per voi  la top ten delle montagne di fuoco più minacciose del pianeta. E abbiamo scoperto che…

volcanoes_1a

.. si trova alle Hawaii (Big Island) il vulcano considerato come il più attivo sulla Terra. Per farvi un’idea sappiate che nel corso della sua eruzione più recente che ha avuto inizio nel gennaio del 1983,  il Kilauea ha espulso una quantità di lava tale da poter pavimentare tre volte una strada intorno al pianeta! è alto 1247 metri, una bazzeccola in confronto al  gigantesco “vicino” Mauna Loa (4169 m!), ma è davvero unico lo spettacolo delle sue fontane di lava e dei fiumi di roccia fusa che scorrono lentamente.

volcanoes_2

Il fatto che in lingua hawaiana Kilauea significhi “sputare” dimostra che il vulcano è stato in eruzione molto tempo prima che il celebre capitano Cook scoprisse le isole Hawaii sul finire del Settecento. Risalgono a quell’epoca delle impronte perfettamente conservate dalla lava indurita e da attribuire ad un’ottantina di guerrieri facenti parte di una fazione dissidente hawaiana che morì in un flusso piroclastico di Kilauea.

volcanoes_2a

Naturalmente non potevamo non considerare l’Etna, uno dei simboli della nostra bellissima regione siciliana, famoso tanto quanto il “vicino” Vesuvio  (ma molto più alto). L’Etna vanta un’eruzione più o meno costante negli ultimi 2.000 anni anche se la sua “storia” risale a circa circa 300.000 anni  fa (la maggior parte delle eruzioni più spettacolari dell’Etna è avvenutanella preistoria).

volcanoes_2x

Il fenomeno degli anelli di fumo è raro e curioso, e in alcune occasioni l’Etna ne ha creati diversi, che durano all’incirca 15 minuti e possono raggiugere un diametro di 600 metri! Alcuni di questi anelli sono documentati con fotografie scattate durante l’eruzione dell’Etna nel 2000.

volcanoes_3a

Il Monte Nyamuragira è un vulcano attivo situato nelle montagne Virunga della Repubblica Democratica del Congo. Anche se ha eruttato più di 30 volte da quando gli esploratori europei hanno cominciato a documentare l’attività della montagna (1880), questo non ha impedito alla zona (famosa anche perchè uno degli ultimi baluardi per la salvaguardia di numerose specie di scimmie) di essere densamente popolata.

volcanoes_3b

volcanoes_3x

Il Monte Nyamuragira ha  festeggiato l’arrivo del nuovo anno con una eruzione: il 2 gennaio 2010 la lava cominciò a scorrere dal cratere principale fino a scendere per 500 metri talmente rapidamente che sono state molto difficili e disorganizzate le operazioni di evacuazione degli abitanti del luogo.

volcanoes_4a

volcanoes_4b

Il vulcano Sakurajima si trova su quella che prima era un’isola nel sud del Giappone, Kagoshima Bay. L’isola è ora collegata alla terraferma tramite una penisola pianeggiante creata da colate di lava durante l’incredibile eruzione della montagna del 1914. Sakurajima si trova a 1.117 m sul livello del mare ed è  in eruzione più o meno costante dal 1955.

volcanoes_4x

Si tratta di una zona molto pericolosa, che già in passato ha portato morte e distruzione.

volcanoes_5a

Il vulcano attivo più ” a sud” del mondo è il monte Erebus,  in attività dal 1972 anche se le eruzioni sono molto variabili in intensità. I 3.794 m di vulcano sono coperti di neve, ma il cratere presenta una bella tonalità di rosso caldo, là dove c’è un lago di fuoco che può essere visto bene solo dallo spazio.

volcanoes_5x

Anche se considerato in uno stato di eruzione, il Monte Erebus si comporta piuttosto “tranquillamente” ed è ampiamente studiato dai vulcanologi  nelle vicine basi base di McMurdo Station (USA) e Scott Base (NZ).

volcanoes_6

L’eruzione del 2 maggio 2008 del vulcano Chaitén nel sud del Cile è stata un evento che ha colto di sorpresa gli scienziati , dato che la volta precedente pare sia stata stimata intorno a 9.500 anni fa. Le fasi iniziali sono stati caratterizzate dall’espulsione di nubi di cenere voluminosi attraversati da spaventosi fulmini incadescenti.

volcanoes_6x

A 24 ore dall’inizio dell’eruzione, una enorme nuvola di cenere era salita su per decine di migliaia di metri verso il cielo. La nuvola è stata fotografata dai satelliti in orbita (foto sopra), che hanno mostrato che si estendeva  per tutta l’ampiezza dell’Argentina in direzione del Sud Atlantico.

volcanoes_7a

Chi di voi ricorda il film catastrofico “Krakatoa  est di Giava”? era un kolossal degli anni ’60 che narrava la drammatica eruzione del vulcano indonesiano Krakatua nel 1883: ma i 36.000 morti di allora potrebbero essere niente a confronto di quelli che oggi potrebbe causare il vulcano sorto sulla caldera del Krakatua, “Anak Krakatua”(figlio di Krakatua), oggi davvero troppo densamente popolato.

volcanoes_7b

volcanoes_7x

L’attuale fase eruttiva del vulcano è iniziato nell’aprile del 2008 ed è pericolosamente in corso.

volcanoes_8

Tungurahua è uno dei vulcani più alti del mondo, con i suoi 5.023 m con cui si staglia tra le Ande, nella nazione sudamericana dell’Ecuador. Queste cifre probabilmente dovranno essere riviste dato che il Tungurahua si è “svegliato” nel1999, con grandi eruzioni che si verificarono nel 2006 e 2008.

volcanoes_8x

Fino ad allora, come per la maggior parte vulcani sulle Ande, anche le pendici del Tungurahua erano coperte di neve e con un un piccolo ghiacciaio sulla vetta.

volcanoes_9

Il Monte Yasur  a Tanna Island si trova invece nell’arcipelago di Vanuatu, nel Sud del Pacifico. E’ famoso non solo perchè è stato in eruzione per molti secoli, ma perchè lo fa ancora oggi e più volte all’ora! Bassino, con i suoi 361m di altezza, ma coronato sulla sua sommità da un cratere quasi perfettamente circolare, largo la bellezza di 400 metri!volcanoes_9x

Come il Kilauea delle Hawaii, anche il Monte Yasur erutta in maniera molto prevedibile ed ha un livello costante di attività, permettendo ai turisti di avvicinarsi molto senza correre rischi. Un esempio di questo è stato visto durante la trasmissione di “Survivor: Vanuatu – Isole di fuoco”, dove i concorrenti vincitori di una sfida per ricompensa si sono concessi il lusso di un picnic di hot dog e birra, mentre il Monte Yasur forniva davanti ai loro occhi uno spettacolo pirotecnico unico.

volcanoes_10

E’ proprio il caso di dire “last but not least” : ecco che chiudiamo questa speciale top ten con il vulcano dal nome islandese scioglilingua.. Eyjafjallajökull! Arrendiamoci tutti di fronte al fatto che l’attuale fase eruttiva del vulcano potrebbe essere appena iniziata: il caso di precedente eruzione cominciò nel dicembre del 1821 e durò per tre anni.  I vulcanologi hanno stabilito che Eyjafjallajökull in precedenza si era “fatto sentire” nel 1612, e prima ancora nel 920 d.C.

volcanoes_10x

Tutte le tre precedenti eruzioni di Eyjafjallajökull sono state seguite dall’eruzione di Katla, un vulcano subglaciale molto più grande a soli 25 chilometri di distanza. In una trasmissione un’intervista alla BBC il 20 aprile, il Presidente islandese Ólafur Grímsson ha descritto il recentissimo caos provocato da Eyjafjallajökull come “una piccola prova generale”, e ha avvertito che “il tempo per Katla di eruttare si sta avvicinando”, consigliando ai governi europei e anche alle autorità delle compagnie aeree di tutto il mondo di iniziare a mettere in conto l’eventuale eruzione Katla. Poveri noi!

volcanoes_11ep

DEF5812

Anche questa volta abbiamo fatto un bel giro intorno al mondo, ma se stavate cercando località “calde” per una bella vacanza di relax, sappiamo consigliarvene altre , infuocate sì, ma decisamente più tranquille!

Related Blogs

    Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito.

    Lascia un commento

  • Tag

  • I siti che seguiamo