Metti una sera a cena.. sull’albero!

naha_harbor_diner_okinawa

Non è esattamente un compito facile attirare la clientela in un ristorante anzichè in un altro: non basta godere solo godere di una posizione strategica, che il servizio sia di qualità  e, ovvio, che si mangi bene… al giorno d’oggi la concorrenza si è fatta sempre più spietata, e così proprietari e gestori devono inventarsi quel “quid” in più, fare leva sulla fantasia e distinguersi per offrire qualcosa che non si è mai visto prima.  A tale proposito se ci fosse un premio all’originalità, questo se lo aggiudicherebbe in pieno il ristorante giapponese Naha Harbor Diner, posizionato a 6 metri d’altezza niente meno che su.. un albero! Se da piccoli il vostro sogno era costruire una casetta tra rami e foglie, ora avete la possibilità di mangiarci sopra, pure se per farlo dovete andare nella nipponica Okinawa. Un pò fuori mano, forse..

odd-restaurants02

Cominciamo subito con l’avvertire gli ambientalisti che possono dormire sonni tranquilli: l’albero infatti non è vero, pure se è una riproduzione fedele in cemento di un albero Gajamaru, originario della famiglia dei ficus. odd-restaurants03

Al Naha Harbor Diner si accede tramite un ascensore o una scala a chiocciola che si trovano nel “tronco”: dopodichè potete gustare le prelibatezze del menù asiatico, nella fattispecie ricco di pietanze della cucina Giapponese, Cinese, Thai ed Indiana.

crazy-banyan-treehouse-cafe-in-japan-3

Situato all’ingresso del Parco Onoyama, il ristorante si segnala per una vista mozzafiato sull’oceano, l’ideale per cenette romantiche, di sera, quando le luci illuminano ad h.o.c. l’elegante quanto bizzarra location.

odd-restaurants04

Nota affatto da non trascurare è il fatto che il ristorante oltre ad essere raffinato ed originale, non è per nulla caro! Peccato non si possa dire lo stesso del biglietto aereo per farci capolino…

Related Blogs

  • Related Blogs on Asia
  • Related Blogs on cena
  • Related Blogs on cucina
Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

  • Tag

  • I siti che seguiamo