B&B Casavacanze Luciana a Napoli

Il Bed and Breakfast Casavacanze Luciana è il luogo ideale per soggiornare a Napoli, ambiente raffinato e moderno ubicato nel cuore di Napoli mette a disposizione i suoi appartamenti a quanti desiderano vivere a pieno la magia della città. In base alle esigenze del cliente il B&B Casa Luciana ha diversi appartamenti, tutti con bagno in camera e terrazzo. La padrona di casa è a completa disposizione per indicare quanto di più bello la città ha da offrire. Il B&B Casa vacanze Luciana a Napoli situato al Vomero è il punto di partenza ideale per raggiungere a piedi tutte le principali attrazioni turistiche: le famose boutique, tra cui Zara, Coin, Benetton e Nike e molti monumenti storici di Napoli tra cui la Certosa di San Martino, Castel Sant’Elmo e Villa Floridiana. Coloro che preferiscono invece muoversi utilizzando i trasporti pubblici troveranno la più vicina fermata della metropolitana (Linea 1 – fermata “Vanvitelli”). Per qualsiasi info visita il sito http://www.casaluciananapoli.it

Leggi tutto »
Crociera Mar Rosso

Il Mediterraneo in crociera: facciamo tappa in Grecia

Approfittare della bellezza del Mediterraneo può essere possibile anche attraverso un viaggio in crociera che fa tappa in Grecia, ed approfitta di tour eccezionali sulle sue coste. Questa veloce spedizione potrà rivelare i gioielli segreti presenti sulle isole più conosciute sparse su tutto il territorio, oltre che farci godere di tutti i comfort presenti sulla nave.

Leggi tutto »

Una fuga alla scoperta del Veneto (3 gg)

La mia prima vacanza dell’estate 2017 è stata una piccola fuga. Fuga dalla città ma anche… fuga dagli amici con le loro solite proposte. Se c’è una cosa che mi mette ansia, appena arrivano i primi caldi, è andare al mare nel weekend. Sì, ansia: non la trovo affatto rilassante come idea, anzi credo che sia di una tristezza abissale, a meno che uno non abiti vicino alle cose sicule o sarde: in quel caso nulla da dire se non “magari”! Per chi invece sta al nord, come me, a volte il venerdì corto aziendale è quasi una beffa… Via dall’ufficio e dalle mille persone da gestire, ma anche via dall’aria condizionata: ora che si fa? Chiudermi in casa sotto al Daikin non lo prendo nemmeno in considerazione…
Esterni 028 low
Mi è capitato a volte di cedere e di andare in spiaggia con qualche amico, magari anche fermandomi l’intero weekend… Ma non fa per me. Cuocermi sotto il sole è un supplizio, ogni volta mi sono portato un sacco di libri per nulla (troppo sole per leggere, troppo farlocca l’ombra tra le pietre o sotto l’ombrellone) e poi per quanto noi non si vada nelle spiagge di massa, comunque distantissime dalla Lombardia, sicuramente c’è troppa gente per i miei gusti. Perché per i miei gusti, in vacanza di gente attorno a me non ce ne deve essere proprio!
E voi direte: allora sei perfetto per la montagna… Invece no! In montagna ci vado, certo, ma durante le mie vacanze lunghe. Andarci per due giorni significa riposare al fresco senza godersela a pieno e tornare a casa col magone e la voglia di mollare tutto e aprirsi una malga! La montagna si prende con calma. Sì lo so, sono difficile, un turista difficile.
IMG_6131
E’ che a me dover scegliere tra monti e mari sembra una baggianata. E quindi? E quindi per una vacanza breve viva il relax totale e il turismo culturale! La prima opzione è la mia preferita: l’idea di stare due giorni seduto o steso sotto l’ombra di un albero (e non sotto il sole!) a leggere uno o anche due libri, e alzarmi solo per bere qualcosa o fare una nuotatina in piscina… O mangiare, ovvio, perché se si viaggia è bello anche approfittare dei sapori tipici di ogni luogo! Bello no? Ecco a me piace così, con l’aggiunta magari di un po’ di arte e architettura da vedere la sera, al pomeriggio, o… se proprio Caterina (la mia compagna, santa donna iperdinamica ma paziente) insiste, per una gita in giornata. E così ho appena ascoltato il consiglio del mio direttore commerciale, Paolo, ed ho fatto una fuga dal caos davvero bello, che vi consiglio: mi sono preso tre giorni per andare in Veneto.
Il Veneto non è solo Venezia, e non è nemmeno… solo lavoro, come si pensa. Ho scoperto invece che è ricco di mete stupende, e che addirittura è una delle regioni più ricche di mete culturali e artistiche in Italia, tutte vicine tra loro. Abbiamo fatto un weekend lungo di compromesso: tanto relax e poi un giorno di gita come piace a Caterina. Ci siamo presi un hotel davvero bello, in posizione strategica al centro della regione: in pratica in mezz’ora eravamo a Padova e a Vicenza, in meno di un’ora a Verona e a Venezia (che ovviamente ho saltato, ma se vi piace si raggiunge in comodità!). Ci siamo fermati 3 giorni, e un giorno lo abbiamo dedicato alle prime due città d’arte: a Padova abbiamo visto ovviamente la Basilica del Santo e Prato della Valle, ma io mi sono innamorato del Battistero del Duomo, dipinto da Giusto de’Menabuoi, che mi ha lasciato con il naso in su, davvero sbalordito. Vicenza… Vicenza è un’opera d’arte totale, una città Unesco infatti: tantissimi i palazzi progettati da Palladio, un’eleganza formale assoluta. Paolo mi aveva parlato delle ville venete, sparse nella campagna, ma hanno davvero superato le nostre aspettative. Inoltre raggiungerle era veloce e comodo, e il nostro hotel stesso era una villa veneta.
Abbiamo alloggiato in un 4 stelle ricavato da una villa storica, pieno di marmi freschissimi e preziosi, sale affrescate (una in particolare splendida, tutta decorata a stemmi), la piscina all’aperto e lui: il parco alberato e ombroso che tanto desideravo. Pura quiete, ho divorato un libro intero in due giorni. Il pacchetto estivo dell’albergo comprende, inoltre, ottimo cibo: una degustazione di salumi e formaggi veneti (promossi anche in questo, i veneti!), una cena ulteriore di degustazione e ovviamente ottimo vino tipico. Il pacchetto comprendeva anche le mountain bike per visitare la campagna attorno alla villa… ma io ho lasciato questa avventura a Caterina.
Reception 001 low
La cosa che mi è davvero piaciuta del mio alloggio era la posizione, comodissima per andare ovunque in Veneto, ma immersa nella quiete: si sentivano solo gli uccelli cantare, e vi assicuro che per uno come me questo è proprio il massimo della vacanza.
Leggi tutto »

Come cercare lavoro in Australia

Per capire come cercare lavoro in Australia è importante essere consapevoli, prima della partenza, di cosa il territorio può offrire e, in particolare, è utile rifornirsi di un visto valido e, quindi, non scaduto, per evitare seri rischi in caso di controlli da parte delle autorità australiane. Tale visto deve essere richiesto prima di raggiungere l’Australia, all’ambasciata del proprio Paese dorigine. Il visto deve essere scelto in base alle proprie esigenze e caratteristiche. Un giovane che decide di recarsi in Australia per dedicarsi allo studio e, allo stesso tempo, è propenso a guadagnare qualche soldo, potrà fare un visto studentesco, grazie al quale gli è automaticamente concesso un permesso di lavoro di 20 ore settimanali. Da qualche decennio il Working Holiday Visa, visto dedicato agli studenti inseriti negli scambi culturali, permette di lavorare full-time o part-time per 12 mesi: per sei mesi è possibile lavorare con lo stesso datore di lavoro e per quattro mesi dedicarsi allo studio.

Il governo australiano ha, poi, introdotto un ulteriore visto, appositamente creato per gli studenti stranieri che hanno completato un corso universitario in Australia, che gli permetterà, così, di lavorare in loco per 2 o 4 anni. Si tratta del Post-Study Work Visa. Per chi, invece, si reca in Australia solo per svolgere unattività lavorativa, esiste un visto permanente e un visto temporaneo. In entrambi i casi sono richiesti dei requisiti specifici per poterli ottenere.

E’ ragionevole, poi, che una volta atterrati nella terra dei canguri, se si vuole trovare rapidamente un impiego, bisogna farsi in quattro senza perdere tempo. L’Australia, dal canto suo, offre i più svariati impieghi: si parte dai lavori più semplici, quali cameriere, barista, commesso, cuoco, aiuto cuoco ed altri, che fanno parte della cosiddetta hospitality.

 

Leggi tutto »

Le Dolomiti a ritmo SLOW-motion!

Un giugno di escursioni nella natura del Patrimonio dell’Umanità Unesco sia a piedi che in bicicletta, ma a ritmo SLOW!

Camminare o andare in bike fanno bene alla salute e allo spirito. Farlo in una cornice che persino l’UNESCO ha riconosciuto patrimonio naturale dell’umanità non può che aumentare i benefici che scendere dalla macchina e usare le gambe per quello che è il loro scopo originario indiscutibilmente promette. Se poi all’attività giusta si aggiunge periodo corretto – cioè quello in cui le giornate sono piu’ lunghe – favorendo il senso di poter controllare il tempo, riportandolo su binari più rilassati, i piedi diventano davvero il mezzo più indicato per percorrere la strada verso il benessere e la qualità della vita.

DOLOMITI_WALKING_HOTELlago4-molveno-dolomiti-walk

Lo puoi scoprire in una delle 18 strutture trentine riunite nel Club Dolomiti Walking Hotel, specializzati in escursioni e camminate attraverso i paesaggi delle Dolomiti e che raggruppa i migliori alberghi in grado di offrire servizi ad hoc per gli escursionisti. A giugno e settembre, gli hotel membri di questa cordata per l’affermazione di una vacanza slow – dislocati nell’area che si estende tra il Parco Adamello Brenta, il Parco Nazionale dello Stelvio, Madonna di Campiglio e le Dolomiti del Brenta, fino alla Val di Fassa, Moena e Canazei, San Martino di Castrozza e le sue splendide Pale, toccando i confini con l’Alto Adige con i leggendari monti del Latemar, Catinaccio, Sassolungo e Sella – propongono un pacchetto speciale con prezzo a partire da 55 euro a notte, per persona in mezza pensione, con servizi pensati per camminatori ed escursioni settimanali con guide esperte, ma nache per appassionati di bike.

Si può scegliere tra camminate nella natura con i bastoncini di nordic walking alla scoperta di fiori, erbe aromatiche ed animali, ed escursioni di diverse difficoltà sui sentieri che si arrampicano fra le Dolomiti andando alla ricerca delle vette più belle, percorrendo i torrenti e le rive dei laghi, restando incantati davanti alle cascate e i punti panoramici più suggestivi. Oppure, per i più allenati, ci sono i trekking dolomitici che durano fino a 7 ore e che consistono in viaggi a piedi avventurosi nelle zone più selvagge delle Dolomiti trentine. Per molti, l’opportunità di partecipare alle camminate dei Dolomiti Walking Hotel diventa anche un modo divertente per condividere interessi e fare nuove amicizie, oltre alla possibilità di godersi l’empatia con la natura e uno stile di vita più ecologico, abbattere lo stress e migliorare il benessere psicofisico.

Il club di prodotto Dolomiti Walking Hotel è stato riconosciuto dalla Provincia Autonoma di Trento come l’eccellenza per gli ospiti camminatori in Trentino, è inoltre patrocinato dalla Fondazione UNESCO – Dolomiti e dal marchio Dolomiti-Patrimonio dell’Umanità, premiato per la valorizzazione dell’ambiente e lo sviluppo ecosostenibile dell’area dolomitica.

camminate4

Ti aspettiamo anche con il tuo amico a 4 Zampe!

Su www.dolomitiwalkinghotel.it trovi tutte le informazioni!

 

Leggi tutto »
  • Tag

  • I siti che seguiamo