10 viaggi in treno da fare!

001

Niente da fare, muoversi in aereo sarà comodo e velocissimo, ma il fascino di certi viaggi in treno è imbattibile. Oggi abbiamo deciso di stilare una classifica (ma ogni suggerimento ulteriore è bene accetto) delle 10 tratte in treno da fare almeno una volta nella vita. Dalla Norvegia al Sud Africa, dal Perù alla Thailandia, dal Tibet alla Scozia, dieci tragitti che lasciano il segno. A cominciare da…02

.. dalla Norvegia appunto (foto sotto il titolo): ci vogliono sette ore per arrivare da Oslo a Bergen, ma vale davvero la pena affacciarsi dal finestrino e ammirare i fiordi, i ghiacciai e le innevate vette nordiche. La ferrovia in questione è talmente alta che il treno che ci passa sopra ha cinque sistemi di frenatura! Fa impressione anche il ponte dell’immagine qui sopra,  e quello che vedete è il Bernina Express che da Davos (Svizzera) arriva in Italia, a Tirano, passando per le Alpi del Sud, e la bellezza di 196 ponti e 55 gallerie!

03

Se tempo e denaro non sono per voi un problema, sappiate che non è una cattiva idea allora passare 27 ore sul Blue Train, che tra cascate, immensi campi di girasole  e struzzi selvatici regala un viaggio indimenticabile. Da Pretoria a Cape Town, in Sud Africa, sostando presso le miniere di diamanti di Kimberley, potreste al calar della sera osservare il sorgere della luna sulle terre del deserto del Karoo e la mattina svegliarvi tra i vigneti più belli del mondo. Quasi altrettanto impressionante è il lusso sfrenato nel Blue Train: marmo e oro un pò ovunque,  i migliori chef  per pietanze d’alta cucina, con tanto di maggiordomo personale!
04

Ci spostiamo in Australia: per andare da Adelaide a Darwin ci vogliono 50 ore, quasi 3000 km che tagliano il Nuovo Continente da nord a sud, passando per sconfinate zone desertiche e incontrando canguri al pascolo. Si chiama Ghan il treno passeggeri, abbreviazione del precedente soprannome The Afghan Express, che deriva dalle carovane di cammelli afghani che faticosamente percorrevano la stessa tratta prima dell’avvento della ferrovia (ultimata nel 2004). Anche se la vita è diventata più confortevole dai giorni in cui i conducenti dei treni bloccati erano costretti a sparare agli animali di passaggio per non morire di fame, questa non è un’esperienza lussuosa, soprattutto d’estate!basti pensare che l’aria condizionata è spenta di notte!

005

Vi trovate tra le rovine del Machu Picchu e volete arrivare su su fino alla capitale Inca di Cuczo (3399 m s.l.m.)? Allora salite a bordo dell’Hiram Bingham, un treno di lusso con carrozze in stile anni Venti. La cucina raffinata che potere gustare a bordo ben si sposa con la bellezza del verdissimo panorama delle Ande e delle gole attraversate dal fiume Urubamba.

06

Seattle-Los Angeles. Due delle più grandi città della West Coast statunitense  sono collegate dal treno double decker (a due piani) Coast Starlight: in effetti  si può definire stellare l’esperienza di “esplorare” le montagne, le foreste , le cascate, la High Sierra, L’Oceano Pacifico, San Francisco e Big Sur rimanendo comodamente seduti sul vostro bel sedile reclinabile. Tra i comfort il fatto che i bambini hanno modo divertirsi con i videogiochi nell’Arcade Room, e che pagando un piccolo extra si possono degustare vini e formaggi locali  e persino assistere ad uno spettacolo teatrale!

07

Per viaggiare sulla nuova linea ferroviaria Qingzang che va da Qinghai, in Cina a Lhasa, Tibet, è indispensabile l’ossigeno di emergenza e la vostra firma su una scheda di registrazione sanitaria! Mentre il treno si inerpica  fino a 5.000 m  per 2.703 miglia, le temperature precipitano così drasticamente che l’acqua nei bagni deve essere riscaldata per evitare che si congeli! Inoltre ai viaggiatori stranieri è necessario un permesso speciale per “sbarcare” a Lhasa. La vista dell’altopiano tibetano vale le 51 ore di tragitto.

08

Very scottish journey, quello che da Glasgow porta a Mallaig, Scozia. Cinque ore e poco più tra le nebbie della brughiera, le rovine di antichi castelli  e montagne inospitali. Gli innumerevoli fans di Harry Potter andranno in visibilio sapendo che il treno che compie questa tratta passa pure per il viadotto altro 100 piedi comparso in tutti i film della saga del celeberrimo maghetto.

09

Il cinema ha immortalato anche “il treno per il Darjeeling” nell’omonima pellicola con Owen Wilson, Adrein Brody e Natalie Portman. Impossibile non farsi ammaliare dal fascino esotico di una locomotiva a vapore che attraversa le pianure indiane, tra piantagioni di tè e foreste di teak, con  la catena dell’Himalaya sullo sfondo, dove svetta la terza montagna più alta del mondo , il Kangchenjunga (8586 m s.l.m.).

10

Concludiamo il nostro giro del mondo su rotaie in bellezza, con il lussuosissimo viaggio nel Sud Est Asiatico, da Chiang Mai, Thailandia, a Singapore. Un’esperienza da mille e una notte con la compagnia Eastern e Orient Express, dove le cabine avvolte da atmosfere rétro sono rivestite con legno di ciliegio e intarsi, e dove si possono contemplare foreste pluviali, piantagioni di gomma e risaie stando comodi comodi nella veranda coloniale al riparo da fastidiose zanzare. Fermata d’obbligo a Bangkok, attraversando il ponte sul fiume Kwai (vi dice qualcosa?),  la costa malese,  Kuala Lumpa  e le spiagge tropicali di Penang. Niente male, no? Bene,  sono riuscito a farvi venire voglia di viaggiare? state pensando di acquistare un biglietto, dite la verità!

Related Blogs

  • Related Blogs on 10
  • Related Blogs on Adelaide
  • Related Blogs on Ande
Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito.

2 commenti to “10 viaggi in treno da fare!”

  1. Jessica Göksoy ha detto:

    salve!! buon articolo.. ma credo che sia mancata una cosa… nel messico esiste un tour che percorre tutta la zona della frontiera visitando i canyon e il deserto.. fa fermate mitiche nei paesini dove gente fabricca a mano dei souvenir.. il tour si chiama ‘barranca del cobre’ credo meritterebbe essere inclusso nella lista .. saluti!

  2. pendolante ha detto:

    Che meraviglia! Questo è un bel modo di viaggiare in treno

Lascia un commento

  • Tag

  • I siti che seguiamo