Trapani ed Egadi, tra sole, sale e vento

Il reportage siciliano di Vale e Ciccio (giugno 2010)

DSCN2220

Trapani è una città non tanto grande che ha una immensa fortuna: un mare meraviglioso che praticamente la circonda da ogni lato. Questa foto rappresenta il mare di Trapani visto dalla spiaggia di Porta Ossuna, ovvero la spiaggia del centro della città, frequentata da trapanesi e turisti. La spiaggia è sabbiosa, e offre la possibilità di passeggiare in riva al mare godendo della vista della città.

DSCN2193

DSCN2194

In questa foto si vede la punta della “falce” di Trapani, che termina con Torre Ligny, vista dalle mura di Tramontana. In basso la spiaggia di Porta Ossuna.
DSCN2196
Alle spalle di Trapani, c’è il monte Erice (in questa foto visto dalle Mura di Tramontana) alto circa 750 metri dove si erge l’omonima città.
DSCN2197
Vecchi che giocano a carte in spiaggia, centro città.
DSCN2201
L’ingresso caratteristico di un B&B sulle Mura di Tramontana, proprio sopra la spiaggia di Porta Ossuna.
DSCN2217

Un granchietto fotografato alle “Vasche du Parrino” (Vasche del prete) tra gli scogli che si trovano sempre in centro città, dove i trapanesi vanno a fare il bagno. Meno turistico della spiaggia di Porta Ossuna, questo ingresso al mare sembra un acquario accessibile a tutti. In ogni vasca è possibile vedere granchi, paguri, stelle marine, pesci di piccole dimensioni e alghe di diversi tipi. Balneabile, c’è anche un servizio di salvamento attivo durante il giorno.
DSCN2234
Facoltà di Biologia Marina di Trapani…
DSCN2236
Torre Ligny, la punta di Trapani.
DSCN2293

DSCN1712

I caratteristici mulini a vento venivano una volta impiegati per la lavorazione del sale. Oggi in disuso, sostituiti dalle moderne industrie, i mulini sono una meta turistica molto apprezzata. Tanti infatti i turisti che tra le saline scattano fotografie (come me! le due sopra sono rispettivamente di un mulino a Mozia e uno a Trapani) a quelle che sono state importanti risorse dell’economia locale, ora un ricordo dei metodi di lavorazione usati in passato.

DSCN2294
A qualche km da Trapani, in direzione sud, ci sono le saline di Mozia, dove è possibile visitare gli insediamenti industriali che oggi sono divenuti Oasi WWF, per la varietà di specie animali e vegetali che si trovano. Mozia è importante anche dal punto di vista archeologico, per la presenza di reperti greci e fenici trovati nell’isola omonima. Nella foto sopra ancora saline, le vasche di decantazione dove evapora l’acqua e rimane solo sale.
DSCN2303
Giovinetto di Mozia, reperto archeologico greco di grandissima importanza storico artistica.
DSCN2319
La vetrina di dolci siciliani per eccellenza! Da “Maria Grammatico” a Erice.
DSCN2322
Dolci al fico… strepitosi!!!
DSCN2373
Insediamento industriale Florio al porto di Favignana. Qui veniva lavorato il tonno quando ancora si faceva la mattanza.
DSCN2382
Il Bue Marino di Favignana. Uno dei luoghi più belli dell’isola dal punto di vista naturalistico.
DSCN2389
Centro del paesino di Favignana, chiesa Amatrice.
DSCN2398
Porto di Favignana.
DSCN2412
Levanzo.
DSCN2446
Faro di Porcelli, tra Levanzo e Trapani.

DSCN1671

Infine un bel tramonto, immortalato dalla funivia che porta a Erice.

DSCN0466

Trapani è una città baciata da un meraviglioso sole e avvolta da una natura che entra nella città, fonte di vita e turismo. E’ un luogo magico, che chi ama il mare e i piaceri veri della vita non può non apprezzare fino in fondo.

DSCN2223

scritto da: Valentina

Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito.

Un commento to “Trapani ed Egadi, tra sole, sale e vento”

  1. Alfred ha detto:

    Salve. Trapani è molto interessante anche per il parco wwf. Ho comprato il “FIOR DI SALE”. Molto delicato.

Lascia un commento

  • Tag

  • I siti che seguiamo